Energy Management - Energy Manager

Energy Management e risparmio energetico certificato con la norma ISO 50001

I temi del risparmio energetico e del contenimento dei gas serra sono oggi una doppia leva competitiva, per ogni azienda che desideri misurarsi sui mercati: sia dal punto di vista dell’ormai indispensabile riduzione dei costi (in un’economia che vede la continua contrazione delle vendite e dei ricavi), sia dal punto di vista dell’immagine aziendale da proporre al mercato e al cliente, attenta all’ambiente e agli aspetti della sua conservazione.

Gestire le energie consumate con efficienza e oculatezza costituisce dunque, per qualsiasi impresa, un’opportunità necessaria nella direzione del successo. Come però procedere in questa direzione con razionalità, senza disperdere investimenti, valorizzando le risorse presenti in azienda?

E’ oggi possibile ottenere i benefici di una corretta gestione energetica applicando la nuova norma ISO 50001 - Sistema di Gestione dell’Energia, che ha lo scopo di definire i sistemi e i processi necessari per migliorare la propria efficienza. I vantaggi diretti per le aziende sono la riduzione dei costi, dei consumi e il contenimento duraturo delle emissioni di gas serra.

Molto spesso il parlare di certificazione evoca processi burocratici complessi, con vantaggi non chiari e poco misurabili. Non è così con la norma ISO 50001, che non implica la necessità di seguire rigidi vincoli, ma permette di gestire sistemi e processi secondo il proprio livello organizzativo, ponendo obiettivi di risparmio rapidi e soprattutto tangibili.

Tale norma può essere adottata in modo indipendente da altre certificazioni importanti, ma impegnative, come le ISO 9001 e 14001 ed è applicabile con flessibilità a ogni tipo di impresa. L’approccio proposto da MC GROUP attraversa la propria controllata MC SERVICE (che punta a trovare subito le aree a maggiore risparmio, con minimi costi) trasforma la norma ISO 50001 in un investimento ad elevata redditività, con tempi di ritorno pressoché immediati.

La metodologia di MC SERVICE, azienda controllata della MC GROUP, sviluppa una politica energetica aziendale partendo dalla conoscenza dei consumi passati, presenti e previsti futuri, per adottare da subito un efficace piano di azione e monitoraggio. Dall’analisi dei consumi si ottengono informazioni utili per attivare celeri piani di miglioramento dell'efficienza, con immediata riduzione dei costi per l'energia.

MC SERVICE, azienda esperta nel risparmio e nell’efficienza energetica, è in grado di accompagnare le aziende alla certificazione ISO 50001 con un approccio snello, concreto, orientato al risultato: per evitare di creare una procedura burocratica (della quale oggi più che mai nessuno sente il bisogno), ma realizzando piani di risparmio efficaci e veloci nella loro concreta attuazione.

Non quindi cercando costose soluzioni tecniche per le aree di maggiore consumo, ma sollecitando un vero cambiamento delle abitudini individuali e collettive in azienda, integrando le scelte di efficienza energetica nei processi decisionali quotidiani. Questo, per trasformare finalmente il risparmio energetico aziendale in un nuovo centro di ricavo certo e misurabile, per far diventare l’impresa una realtà vincente, nel sostenere le sfide ambientali dei mercati futuri.

MC SERVICE possiede una solida competenza nel ruolo di Energy Management, con un servizio di controllo esternalizzato sui costi e sui consumi energetici dell'impresa puntuale e finalizzato al risparmio energetico ed economico, ottenuto mediante l'utilizzo delle più efficienti tecnologie energetiche disponibili sul mercato.

L'attività di Energy Manager richiede una particolare esperienza ed un costante aggiornamento normativo, teorico e tecnologico che le imprese, soprattutto quelle medio/piccole, non possono sostenere con la formazione di personale interno preposto.

In tutti questi casi la consulenza energetica specialistica di MC SERVICE rappresenta la soluzione ideale per lo studio approfondito e l'ottimizzazione dei consumi energetici aziendali. Con un obiettivo che è unico ed il reale beneficio dell'utente finale: la riduzione duratura dei consumi energetici finali dell'azienda.

Energy Manager

L'energy manager è una figura professionale di alto profilo, istituita per legge, il cui compito è analizzare e ottimizzare il bilancio energetico delle aziende, sia pubbliche che private, che superino un determinato consumo energetico annuo.

La gestione delle fonti di energia nelle attività di tipo industriale è regolamentata dalla Legge 10/1991, la quale prevede all’art. 19 la presenza dell’Energy manager (in Italia sono sole poche migliaia), nelle aziende con consumi rilevanti e quindi solitamente di grande dimensione. Per tutti gli interventi la presenza di una figura professionale come l’Energy Manager garantisce un miglioramento delle possibilità di investimento tecnologico e tutti i possibili risparmi nei processi energivori.

Contesto, mansioni e aree di intervento

A termine di legge 10/91 alla nomina dell’Energy Manager sono obbligati tutti i soggetti operanti nel settore industriale che nell’anno precedente abbiano consumato più di 10.000 tonnellate equivalenti di petrolio e tutti i soggetti operanti in tutti gli altri settori che ne abbiano consumate più di mille. La nomina va rinnovata ogni anno, pena sanzioni sia per mancata nomina sia per ritardato rinnovo. Tutti i consumi necessari per la produzione o per i servizi, vanno valutati suddividendoli tra le diverse fonti, usi e utenze finali. In base all’analisi delle prestazioni energetiche globali, l’Energy Manager deve definire gli obiettivi da conseguire, realizzare gli Audit periodici di controllo e reperire dati aggiornati. In sintesi i compiti dell’Energy Manager sono:
Programmare la gestione dell’energia;

  • Redigere il piano degli investimenti, a seguito dell’individuazione degli obiettivi specifici di risparmio energetico;
  • Monitorare la realizzazione operativa degli interventi di razionalizzazione;
  • Redigere un piano di contabilizzazione dell’energia, in grado di controllare tutte le possibilità di risparmio;
  • Redigere il Contingency Plan, che consiste in tutte le possibili azioni correttive in grado di modificare le scelte errate in corso d’opera.

Il mercato libero dell’energia è sempre in movimento, di conseguenza l’Energy Manager deve periodicamente verificare se ci siano fornitori più competitivi.
Applicazioni
La aziende in cui è obbligatorio l’Energy manager, in un’ottica di risparmio sui processi Industriali, sono quelle in cui i processi sono particolarmente energivori, i più noti sono di categorie produttive diverse:

  • Alimentare
  • Alluminio
  • Carta
  • Cemento
  • Chimica
  • Ceramica
  • Conciario
  • Farmaceutica
  • Lavorazione del marmo
  • Meccanica (fabbricazione e lavorazione dei prodotti in metallo)
  • Plastica
  • Siderurgia
  • Tessile

Nel settore del terziario, le categorie più interessate ad avere un energy manager sono:

  • Sanità
  • Ipermercati
  • Alberghi
  • Uffici

Va tenuto presente che gli investimenti per il miglioramento dell’efficienza energetica, a carico dell'Energy manager, si differenziano da quelli per il miglioramento della produzione. Infatti, gli investimenti energetici sono meno sensibili ai rischi di un andamento negativo dei mercati di riferimento; se gli ordini calano gli investimenti fatti per incrementare la produttività divengono totalmente inutili, mentre un investimento per ridurre la spesa energetica non viene sfruttato al massimo delle sue potenzialità ma garantisce comunque un certo risparmio. Inoltre l'Energy manager si caratterizza come la figura ideale per l'implementazione di un sistema di gestione dell'energia, per esempio realizzato secondo i dettami della norma UNI CEI EN ISO 50001:2011.

Va ricordato infine che la figura dell’Energy manager si sovrappone parzialmente a quella dell'esperto in gestione dell'energia (EGE), figura professionale che può essere certificata ai sensi della norma UNI CEI 11339.

TOP